BONATUS DE FORLIVIO  Guido (1230-1296)

-

DECEM TRACTATUS ASTRONOMIAE.

Specifiche

  • Autore:

    BONATUS DE FORLIVIO  Guido (1230-1296)

  • Titolo:

    DECEM TRACTATUS ASTRONOMIAE.

  • Luogo: AUGSBURG
  • Editore: E. RATDOLT
  • Data: 26 March 1491
  • Formato: In-4to (213x163mm)
  • Cfr. Bibliografico: Cfr. Klebs 195.1; Bod-inc B-416; BMC II 384; BSB-Ink B-652; Houzeau and Lancaster, 4160; Ricciardi I, 448-449; Goff B-845.

Prezzo: € 42.000,00



Descrizione prodotto

Legatura dei primi del Novecento in mezza pelle e carta decorata; al dorso, 4 nervi rilevati e filetti a secco, in diagonale agli scomparti; guardie marmorizzate; al contropiatto anteriore, doppio ex-libris, uno per F. Hopkinson,  Malvern e l'altro per Wells - Hans Fürstenberg. 1 carta bianca di epoca successiva con annotazioni a penna sull'opera. 422 carte, le prime 14 con la sola numerazione di registro, le altre 408 con numerazione di registro e numerazione manoscritta a penna. Le prime 14 carte probabilmente da altro esemplare, presentandosi con il margine laterale leggermente più corto di qualche millimetro. All'linterno, numerose incisioni silografiche raffiguranti capolettera, diagrammi, simboli astronomici e segni zodiacali; al recto dell'ultima carta, magnifica marca tipografica dell'editore Ratdolt, impressa in rosso e nero.    Collazione: [*]14 a-z A-Z AA-EE8 (*1r register title, *1v preface by Canter, *2r tabula, a1r title, a1v blank, a2r text, EE7v colophon, EE8r printer's device, verso blank. Types: 7:92G, 8:90G, 9:130G, 12:180G, 4:76G, 15:70G. Testo su 44 linee (variabili). Prima rarissima edizione di questo magnifico incunabolo. L'opera si basa fortemente sugli scritti degli astrologi arabi, di quelli tolemaici e degli scrittori del periodo classico. Bonatti o Bonatus è autore di numerose opere astronomiche e uno degli astrologi più famosi e influenti del XIII secolo. Nel 1260 promosse             l' "Astrologus Communis Florentiae de Forolivio ".  L'opera in esame è una storia di  scienze magiche e sperimentali.  Al loro tempo  i sacerdoti babilonesi  profetizzavano per il loro re decodificando le osservazioni delle eclissi. Queste previsioni erano divise   in sette parti, in quanto sette erano i pianeti celesti tradizionali: Sole, Luna, Mercurio, Marte, Venere, Giove e Saturno. Berosus, sacerdote del tempio di Bel, è considerato il primo autore dei trattati astrologici, anche se Luciano di Samosata pensava che gli etiopi fossero  gli astrologi più antichi. Più tardi, gli egiziani svilupparono la vecchia scienza e i greci la presero  come l'unico metodo di divinazione e lo perfezionarono;  i romani fecero loro queste teorie conidzionando ogni aspetto della loro vita sociale e individuale.  La pubblicazione dell'opera in esame influenzò certamente Leonardo da Vinci, come ebbe a scrivere Solmi: "Che tal opera astrologica fosse posseduta dal Vinci è cosa naturale, prima per la gran fama del Bonatti, poi per le pregevoli nozioni di soda astronomia e di altre scienze, che vi sono contenute". Esemplare in buone condizioni complessive, su carta croccante, bene inchiostrato e ad ampi margini; prima carta incollata al margine interno alla carta bianca che la precede, così come l'ultima carta, incollata sul foglio bianco che la segue; lievi gore all'interno del margine superiore, che compare e scompare lungo il volume, a cui si accompagna una lieve gora al margine esterno alle ultime carte, sempre lontano dal testo; piccolissimi fori di tarlo alle prime carte, più estesi ultime 4.   Opera davvero rara e con il Registro presente, spesso mancate in altri esemplari. 

Early 20th-century calf-backed boards with slipcase. 422 leaves (first quire containing the register possibly supplied) 44 lines. Woodcut illustrations and diagrams, initials, large printer’s device printed in red. FIRST EDITION of a beautifully printed incunabulum. This work relies heavily on the writings of the Arab astrologers as well as those of Ptolemy and writers of the classical period. Bonatti was the author of several astronomical works and one of the most famous and influential astrologers of the 13th century. In 1260 he held the tilte “Astrologus Communis Florentiae de Forolivio” (Astrologer of the Florentine community Forlì). Title and last leaf tipped onto endpaper, device soiled and with a few marginal tears (with holes and wormhole touching one letter), few small wormholes in first few leaves, occasional light marginal waterstaining, wormtrack in upper margin of last 4 leaves. Very rare with the register, often lacking. Provenance: F. Hopkinson, Malvern  and Wells - Hans Fürstenberg (bookplate)

PERIZIA ONLINE

Hai un libro antico oppure un'opera d'arte e vuoi conoscerne il valore?

News

AMSTERDAM INTERNATIONAL ANTIQUARIAN BOOK FAIR -...

Il Cartiglio is pleased to announce its participation at the Amsterdam...

30 Settembre 2017

2017 LONDON INTERNATIONAL ANTIQUARIAN BOOK FAIR

La Libreria Il Cartiglio è lieta di annunciare la sua partecipazione...

01 Giugno 2017

© 2016 - Libreria Antiquaria Il Cartiglio di Roberto Cena & C. S.n.c. - P.IVA 10201200010 | Credits

Ricerca per prezzo

Ricerca per categoria